Monthly archives July 2014

La Signora “GIAGI”

Ha fatto parte della mia infanzia, anzi, ha creato parte della mia infanzia e anche buona parte dell’adolescenza; è legata ad episodi degli stessi periodi come

– “MAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA”

– “Me ad dgeiva…chi è che fa acsé ?!”

Oppure i quotidiani percorsi pestamerde (di solito io assistevo a quelli domenicali), con tanto di cane lupo gigante addestrato ad uccidere in agguato, per andare a portare degli avanzi ai randagi; ma lei gli chiedeva di farlo con tali occhi dolci che non poteva dirle di no. Si lasciava dietro una scia di madonne e santissimi che solidificavano l’aria, ma lo faceva.

Affiorano anche gli sguardi di biasimo alle affermazioni “Ammo, ha paura della Dina”

E soprattutto, senza di lei e il suo frigorifero col latte (e lo scaffale col sale che lo avrebbe sostituito), non sarebbero mai state dette frasi come “C’la putèna cu t’ha fat!”

Grazie Signora Giagi; l’unico rimprovero che posso farti è che un altro po’ potevi aspettare.

COMMENTS CLOSED